Approfitta della SPEDIZIONE GRATUITA! Kotokida ti regala le spese di spedizione. Inizia ora lo shopping. FREE SHIPPING worldwide

Il fascino e il mistero della Geisha giapponese. In questi tempi moderni esistono ancora?

Una figura tradizionale che ha sfidato il tempo, le guerre e le invasioni. Ma quante sono le Geishe rimaste in Giappone ai giorni nostri? La secolare tradizione della geisha pur essendo ancora viva all’interno della società giapponese si sta lentamente perdendo. Si ritiene che sono quasi un migliaio le geisha presenti oggi nel paese del sol levante. La maggior parte di loro vive a Kyoto che è considerata la città dove è nata la cultura e la tradizione della geisha. La città possiede ben cinque hanamachi, quartieri dove vivono le geisha.

geisha giappone tradizione

Diversamente da come si pensa in occidente, la figura di questo mito è fatta di secolari arti tradizioni giapponesi quali il canto, le danze tradizionali,  lo shamisen (uno strumento musicale a tre corde) e i complessi rituali della cerimonia del tè. Le giovani donne che scelgono di diventare una geisha hanno all’incirca tra i 15 e i 20 anni (anche se in tempi antichi cominciavano il loro apprendimento in tenerissima età e alcune di loro venivano vendute dalle proprie famiglie alle Okiya). Vivono nelle apposite case-scuola chiamate Okiya, dove prendono il nome di maiko. Qui imparano l’esercizio di arti secolari, non senza fatiche e anni di sacrifici. Tutto questo sotto la supervisione della "oka-san", la proprietaria della casa di geisha.

Ci sono 3 principali differenze per distinguere una geisha da una maiko. Ad uno sguardo poco attento le geishe potrebbero sembrare tutte uguali, invece ecco 3 particolari per distinguerle:

  1. Le maiko indossano gli okobo (infradito tradizioni giapponesi con una base abbastanza alta di legno. Invece le geishe usano gli zori che hanno una base piatta.
  2. Le maiko hanno delle decorazioni di fiori sui capelli, le geishe no.
  3. La cintura del kimono (chiamata obi) nelle maiko viene lasciata cadere fino quasi a toccare terra. Le geisha invece ce l’hanno piegata sulla schiena.

La parola “geisha” in giapponese significa “arte della donna, persona d’arte”. Sono dotate di spiccata intelligenza, educazionecultura e talento. L’idea per lo più diffusa in occidente è quella della prostituta di lusso, niente di più errato.

Le geisha sono donne nubili e possono decidere di sposarsi solo se si ritirano dalla loro professione. Una vera geisha non viene pagata per avere rapporti sessuali, questo non è previsto nella sua professione. Tuttavia può scegliere di avere relazioni con uomini incontrati durante il suo lavoro.

Era uso nel passato che una geisha, per stabilirsi, prendesse un danna. Il danna era un uomo ricco, talvolta sposato che si prendeva a carico tutte le spese e i bisogni che una geisha potesse avere.

Il reale accesso al segreto mondo delle geisha è ovviamente negato a un gaijin cioè a un non giapponese. Forse questo rende ancor più magico e misterioso questo mito di donna.